Categoria: Curiosità

PICCOLI ARREDATORI CRESCONO

Attenzione: questo articolo semiserio non è scritto da una mamma, ma da un’arredatrice d’interni un po’ bambina, con uno sfrenato amore per tutto ciò che concerne la creatività!

Quanti sono quelli di voi che seguono il mio blog e che si possono definire neo-genitori con la passione per il design e desiderosi di trasmettere questo loro interesse anche ai loro figli?

Io non ho bambini, ma quando vedo in qualche negozio qualche proposta creativa per fare divertire i più piccoli la comprerei volentieri solo per il desiderio di poterci giocare io stessa! E quando per la vergogna di arrivare alla cassa con in mano qualcosa di non adeguato alla mia età rinuncio all’acquisto, quel qualcosa inevitabilmente finisce nella mia wish-list promettendo a me stessa che lo cercherò non appena mi capiterà l’occasione di essere in dolce attesa.

Ma poichè più passa il tempo e più l’unica cosa dolce che desidero aspettare è appunto del cioccolato (vedete sono anche coerente: avevo già detto di essere una bambina!) ho deciso di appuntare qui qualche proposta carina che ho scovato girovagando per negozi e sul web. E magari riuscirò anche a dare qualche idea a qualche genitore di un futuro talentuoso arredatore d’interni!

3.jpg
Tappeto IVI
Si tratta di un tappeto sul quale la vostra bambina può giocare anche da per terra. Il tappeto in questione propone la planimetria di una casa che diventa 3D aggiungendo dettagli recuperati da una casa delle bambole. I tappeti sono anallergici, in 100% polipropilene non infiammabile, non perdono peli, sono antistatici e resistenti e si puliscono con facilità. Lo potete acquistare su www.lecivettesulcomo.comEtà: 0.

5
Barbie I Can Be… Architect
Tutte le donne che hanno avuto tra le mani una Barbie lo sanno: da piccole è stata un po’ il nostro mito. Chi non ha mai desiderato essere come lei? Lei che sembra essere la perfezione in tutto ciò in cui si cimenta: cucinare, vestirsi, truccarsi, progettare, disegnare. Ebbene si, proprio lei potrebbe spingere la vostra amata bambina a optare un giorno per la Facoltà di Architettura. Età: 3 – 8 anni.

1
Casa Dolce Casa. Con adesivi. Di Giunti Editore
Esistono poi per esempio degli albi che propongono diverse sezioni di casa su cui la vostra bimba può giocare ad arredare attaccando stickers dell’arredamento. Età: 3 – 5 anni.

2
Doll’s House Sticker Book
Se poi volete anche indirizzarla già all’apprendimento di una nuova lingua (come l’inglese) la collana “Doll’s house Sticker Book” le permetterà anche di conoscere differenti stili. Infatti oltre agli stickers per la casa delle bambole, potete trovare l’albo dedicato allo stile vittoriano, allo stile country e altro ancora. Età: 5 +.

4
Casa delle bambole
Non solo un gioco, ma una passione anche per donne ormai adulte, la casa delle bambole può diventare anche un piccolo investimento. Riproduce nei minimi particolari un’abitazione in miniatura ed è aperta su una o più pareti per poter giocare anche negli interni. Età: 3 – senza limiti. 

6
Lego
E per concludere ecco finalmente una proposta unisex: gli intramontabili mattoncini Lego, con i quali i vostri bimbi potranno crearsi tutto quello che vorranno e allo stesso tempo sperimentare questa incredibile tecnica di costruzione. Età: 0 – senza limiti.

Ma non dimentichiamoci che esiste anche la versione specifica per architetti: Lego Architecture!

E voi avete proposto altri giochi ai vostri bambini nella speranza di crescere dei futuri arredatori? Mi piacerebbe far crescere questa lista: aiutatemi quindi con i vostri suggerimenti!

Logo

IKEA HACK

Avete mai sentito parlare del concetto “Ikea Hacking“? Ultimamente basta entrare in una libreria per rendersi conto che siamo nel pieno vortice di questo fenomeno, piuttosto nuovo in Italia. In realtà si tratta di un movimento affermatosi già nel 2009 e che solo in quest’ultimo periodo sta prendendo piede anche qui da noi.

Si tratta di un vero e proprio movimento creativo che  basa la sua filosofia sul fatto che se si è capaci di montare un articolo d’arredo seguendo le istruzioni Ikea, allora è possibile creare anche qualcosa di più fantasioso seguendo altre istruzioni. Il fine è sempre quello di risparmiare e ovviamente di divertirsi!

Il tutto nasce nel maggio del 2006, quando Jules navigando in rete scopre che non è la sola persona al mondo con la passione per la customizzazione dei mobili Ikea, ma che non esisteva ancora comunque un luogo appropriato dove raccogliere idee e confrontarsi con altri ikea hackers, appunto. Decise così di aprire lui stesso quel blog, proprio qui (link del sito ufficiale), che come potete vedere più che di un blog si tratta di una vera e propria community.

Uno dei mobili più apprezzato dagli hackers è sicuramente l’Expedit (oggi rinominato Kallax), in quanto semplice, di diverse dimensioni e sopratutto versatile.

4

Nel kit del vero Ikea Hacker non possono quindi mancare gli strumenti da falegname, o per lo meno pittura e pennelli per decorare con i colori. Infatti l’Ikea Hacking può costituire un’azione alquanto semplice come l’aggiunta di un abbellimento e arrivare all’applicazione di doti molto più ingegnose e specifiche.

Esistono inoltre delle aziende che si sono specializzate a tale scopo. Come ad esempio eSlipcovers, un’azienda lituana che si è concentrata nella produzione di fodere per i principali modelli di divani Ikea. O come il team di Koak Design che invece è proprio specializzato nella modifica su misura delle ante cucina del famoso marchio svedese.

Hemnes
Ikea Hemnes
1
Ikea Skurar
3
Ikea Tutensammler

DESIGN TIME Giugno 2016

Finalmente è giunta la bella stagione e con essa l’edizione di giugno di Design Time. Il tema di questo mese non poteva che elogiare la possibilità di usufruire degli spazi esterni della casa, di cui non abbiamo potuto godere a pieno le potenzialità nei mesi freddi che ci stiamo lasciando alle spalle. Il tema è quindi quello di: come arredare e/o decorare gli spazi esterni.

Come potete vedere dall’insieme delle foto raccolte nella mia moodboard, io mi sono fatta largamente influenzare dalla mia voglia di vacanze in Grecia. E’ già da qualche mese infatti che fantastico di fare una crociera che mi porti alla scoperta di questi incantevoli luoghi mediterranei nei mesi di Settembre/Ottobre. Sperando che la congiuntura degli eventi faccia si che il mio desiderio si avveri, io intanto continuo a sognare su queste immagini tutte declinate nei toni del bianco e del blu.

Come decorare e o decorare gli spazi esterni

Foto (in senso orario) 1 I 2 I 3 I 4 I 5 I 6

Ecco quindi che se anch’io avessi a disposizione uno spazio all’aperto, quest’anno lo decorerei con molta semplicità: pochi arredi e dalle linee molto essenziali, tantissimi cuscini, accenti di colore che fanno venire voglia di tuffarsi in mare, tanta ceramica sulla tavola e fantasie che richiamano le tipiche maioliche del mediterraneo.

Design Time

 

Design Time è una rubrica mensile di un piccolo gruppo di blogger italiane che si sono date appuntamento per scambiare idee e ispirazioni intorno allo stesso tema. Ogni mese un tema nuovo, ogni mese nuove ispirazioni. Benvenuti!

ARREDAMENTO BAGNO: IDEE, TRUCCHI E CONSIGLI

Oggi qui sul blog abbiamo un ospite: Paolo Bardon, architetto, arredatore, studioso del mondo web e titolare di Arredocasaonline.it. Vi presento quindi il guest post che ha scritto per noi!

Come progettare e arredare un bagno su misura, adatto ai tuoi bisogni, esigenze, dall’estetica accattivante, pratico e funzionale? Con la semplicità, seguendo poche basilari regole e linee guida, focalizzando l’attenzione non sui particolari, ma sull’ambiente bagno nel suo complesso. Sì perchè i particolari sono importanti, ma spesso non sono fondamentali nella realizzazione di una stanza da bagno che ti rispecchi. Evita quindi di innamorarti di un arredo bagno, di un accessorio, di una pavimentazione o di un rivestimento, perchè ti potrebbero portare fuori strada, ti potrebbero costringere a forzare la mano e lo stile dell’arredamento del bagno, per poter inserire quel lavabo o quel sanitario, di cui ti sei invaghito. Vediamo come fare.

2

Stile

Ognuno di noi ha le sue preferenze ed ama uno stile piuttosto che un altro, quindi è di fondamentale importanza decidere innanzitutto in che stile vorrai il tuo bagno, che sia moderno, classico, neoclassico, shabby chic, minimal, industrial, ecc.. Potrà sembrare banale come consiglio, ma non lo è affatto, questo è un passaggio fondamentale da cui dipendono tutte le altre scelte. Ti assicuro che molti partono da qui, salvo poi scordarsi della scelta fatta, perdendosi nei meandri delle innumerevoli opzioni possibili che il web ed i negozi ci propongono, innamorandosi di volta in volta degli elementi singoli, che spesso possono andare in contrasto uno con l’altro. Non dimenticare che conta molto più lo stile e l’aspetto che vuoi dare all’ambiente, che l’arredo bagno, l’accessorio o il dettaglio stesso, perchè ciò che vuoi è un bagno bello, confortevole e in perfetta sintonia con il resto della tua abitazione.

Spazio e misure

Le stanze da bagno hanno molto spesso dimensioni abbastanza limitate. Devi innanzitutto mettere nero su bianco le misure del tuo locale e fare una semplice check list, degli elementi, dei mobili e degli accessori che vuoi utilizzare, perchè non è detto che tutto quello che desideri corrisponda a ciò che realmente puoi realizzare. Infatti avrai a che fare, a meno che tu sia in fase di ristrutturazione, con vincoli impiantistici e posizioni predeterminate di scarico e allacci dell’acqua, che spesso determineranno la scelta e la disposizione di mobili e sanitari.

Idee e ispirazioni

Dopo aver definito quale stile adottare e indicativamente, quali elementi possono entrare in gioco in base alla tua idea di bagno ed agli spazi a disposizione, arriverai finalmente alla fase più creativa. Qui hai l’imbarazzo della scelta, puoi trovare centinaia, migliaia di idee e ispirazioni online , oppure sulle riviste cartacee. Il consiglio che ti posso dare è di non disperdere energie e rimanere sempre focalizzato sul tuo obiettivo: l’ambiente bagno, non l’elemento bagno. Quindi naviga, guarda, visita, ricerca sempre e solo ciò che più si adatta al locale bagno che vorrai realizzare.

8

Estetica o funzionalità?

Entrambi, perchè no? Una non deve escludere o predominare sull’altra, si possono realizzare ambienti gradevoli anche con mobili pratici e funzionali: non hai bisogno dell’arredo bagno all’ultima moda o del mosaico più pregiato per realizzare un bagno bello e confortevole. La ricetta magica non esiste, ma il segreto sta sempre nel giusto equilibrio e mix degli ingredienti per realizzare un buon piatto. Dosa estetica, funzionalità, materiali, luci e colori nelle giuste proporzioni e vedrai che otterrai un ottimo risultato.

1

Luce e colori

Questi due elementi sono quelli che influenzano di più l’estetica del tuo bagno, vengono ancora prima della scelta dei mobili, degli accessori, dei pavimenti, rivestimenti e tinteggiatura delle pareti.

Anche qui ci dev’essere un giusto mix, dovrai valutare quanta luce naturale entra nel bagno, perchè è anche in base a questo aspetto che andrai a definire la luce artificiale ed i colori da utilizzare. In un locale molto luminoso ad esempio, potrai osare di più andando a scegliere tonalità e colori per pareti e mobili, accesi e caldi come il rosso, l’arancione o più scuri ed eleganti come il nero; mentre se la stanza riceve poca illuminazione diretta e si presenta più buia, sarà indispensabile far ricadere la tua scelta su colori più chiari e luminosi, su superfici lucide e brillanti, in modo che la luce possa essere riflessa in tutto l’ambiente.

Non dimenticare che il colore scelto influenzerà l’atmosfera generale e la sensazione percepita all’interno dello spazio, non scordare che la scelta del colore non è solo quella relativa alle pareti, ma è determinata anche da tutti gli altri elementi in gioco, mobili, sanitari, accessori, tende, tappeti, tessuti, pavimenti e rivestimenti. Se vuoi realizzare un locale confortevole ed omogeneo, scegli due, massimo tre tonalità, dosale nelle giuste proporzioni e non ti discostare da quelle.

Considera che il bianco è spesso il colore più utilizzato in bagno, perché aumenta la luminosità e il senso di ampiezza, purezza e pulizia del locale, inoltre si può abbinare a qualsiasi tonalità tu scelga, da quelle più fredde come il verde e l’azzurro, a quelle calde come il rosso e l’arancione, oppure a quelle più scure ed eleganti come il nero e l’antracite.

3

Mobili bagno

La scelta dell’arredo bagno sarà determinata innanzitutto dallo stile, dalla superficie e dalle dimensioni a disposizione.

Se vuoi realizzare un ambiente moderno e contemporaneo dovrai indirizzarti su mobili dalle linee minimali e funzionali, con finiture e laccature lucide, oppure lisce ed opache. Se vuoi un ambiente più naturale ti puoi indirizzare sulla vasta gamma di essenze legnose che al giorno d’oggi i mobili laminati impiallacciati ti mettono a disposizione, oppure, se ti piacciono gli ambienti più classici e retrò, puoi andare su alcune collezioni neoclassiche che i produttori, anche se in minor misura, ancora propongo.

Le misure dei mobili bagno saranno determinate dagli spazi e dalle dimensioni a tua disposizione, nonchè dalla posizione degli allacci idraulici. Nei bagni più spaziosi sarà possibile collocare le classiche basi profonde 50-60 cm, mentre nei locali piccoli sarà indispensabile scegliere mobili e lavabi di profondità minore, 37-40 cm o, nel peggiore dei casi ,come nei bagni di servizio e degli ospiti, utilizzare basi e lavamani che possono avere una profondità anche di soli 20-25 cm.

4

Pavimentazioni e rivestimenti

Ceramica e gres, sono da sempre i materiali preferiti per realizzare la pavimentazione in bagno, ma non dovrai limitarti unicamente a queste soluzioni. Al giorno d’oggi è possibile realizzare splendide pavimentazioni in parquet anche in bagno, scegliendo l’essenza lignea più adatta, opportunamente trattata, preferibilmente posata su colla e sigillata sul perimetro, in modo che eventuali quanto rare infiltrazioni d’acqua non possono andare a danneggiare il legno sottostante. Sempre più di moda è anche l’utilizzo della resina per realizzare pavimenti, pareti e superfici continue e impermeabili, totalmente privi di fughe.

In tema di rivestimenti a parete, gli attuali regolamenti ASL ci permettono di utilizzare pitture lavabili all’interno della stanza da bagno. Le uniche zone dove è strettamente indispensabile rivestire il bagno con materiali impermeabili, come piastrelle o mosaici e preservare le pareti dalla umidità, sono quelli in corrispondenza della doccia e vasca da bagno. Quindi non abbiamo più bisogno, come avveniva anni fa, di rivestire tutte le pareti del bagno con antiestetiche piastrelle e ceramiche, basterà utilizzare tinteggiature lavabili e traspiranti, lasciando dunque libero sfogo alla fantasia ed alla creatività.

5

Accessori bagno

Utilizzali per dare un tocco personale e creativo al locale, ma limitali allo stretto indispensabile, molto spesso abbiamo la tendenza a sovrastimare ciò di cui abbiamo bisogno, in questo modo il tuo bagno rimarrà più ordinato, senza inutili accessori che possono creare unicamente confusione. Cerca il giusto mix tra estetica e funzionalità.

7

Consigli finali

Come vedi non ti ho consigliato nessun mobile, sanitario, pavimentazione o accessorio specifico, perchè la scelta di questi elementi arriverà da sè quando avrai chiaro il quadro di ciò che che ti serve per realizzare un bagno bello e funzionale, perfettamente rispondente ai tuoi bisogni, i tuoi gusti e le tue esigenze.

6

DESIGN TIME Maggio 2016

E dopo qualche mese di assenza, in cui non sono riuscita ad organizzarmi in tempo per partecipare a Design Time, eccomi qui! Consideratelo un antipasto: mentre aspettiamo che domani venga pubblicato il fatidico articolo sul Salone del Mobile, oggi vi propongo una selezione di immagini con cui prendo parte all’edizione di Maggio. E il tema è proprio quello della Milano Design Week e i suoi colori, ovviamente!

FotorCreated.png

Nella mia moodboard presento una selezione di immagini (scattate da me) che ritraggono ambienti dal sapore molto classico e raffinato. Ho scelto di proporvi ambienti di questo genere in quanto domani vi offrirò invece scenari e ispirazioni molto più spendibili per le case di tutti noi. Penso comunque che non condividere questi spazi da sogno sarebbe stato un vero peccato.

Per quanto riguarda i colori ho prediletto immagini dalla palette di tinte chiare e neutre: il bianco è in assoluto il colore predominante, abbinato poi al grigio chiaro, nuance rosa tendenti al viola, legno naturale e elementi effetto oro.

Vi invito a guardare anche le moodboard delle mie colleghe design blogger e a non perdere l’articolo completo sul Salone del Mobile che uscirà domani alle 9.00 qui sul mio blog!

Design Time

 

Design Time è una rubrica mensile di un piccolo gruppo di blogger italiane che si sono date appuntamento per scambiare idee e ispirazioni intorno allo stesso tema. Ogni mese un tema nuovo, ogni mese nuove ispirazioni. Benvenuti!