Tag: vintage

COME ARREDARE CASA CON UN OCCHIO DI RIGUARDO ALL'AMBIENTE

Sponsored.

Ecologia e sostenibilità sono due principi fondamentali, soprattutto ora che abbiamo una nuova consapevolezza e sensibilità riguardo all’importanza della tutela del nostro pianeta e della preservazione delle risorse non rinnovabili. Negli ultimi anni è avvenuto un vero e proprio cambiamento sociale, che ha determinato una maggiore attenzione all’ambiente, a partire dai comportamenti che fanno parte della nostra quotidianità. Attualmente, siamo più attenti alla raccolta differenziata, al cibo che compriamo e ad attuare comportamenti anti-spreco. Si può dire che stiamo rivalutando i comportamenti virtuosi del passato pre-industriale, quando niente veniva sprecato e si mangiavano prodotti che potremmo definire “a km0”, ma con una diversa consapevolezza.

chiarafedele 1

Queste tendenze si riflettono anche nell’architettura e nel design, arrivando nelle nostre case, vediamo come.

In primo luogo, molti edifici vengono progettati in maniera intelligente, secondo i principi dell’edilizia bioclimatica, basata sulla riduzione dei consumi necessari per la climatizzazione e per l’illuminazione e sulla limitazione dell’inquinamento ambientale.

È possibile, ad esempio, ottimizzare l’irraggiamento solare e sfruttare le fonti naturali per illuminazione, ventilazione e raffrescamento, creando migliori condizioni di benessere all’interno della casa e oltre ad una maggiore attenzione al territorio e all’ambiente.

Per aumentare ulteriormente l’efficienza energetica, è possibile utilizzare l’energia solare in maniera attiva, attraverso l’installazione di impianti fotovoltaici o termici.

SunPower - chiarafedele

Tutti questi principi che ci sembrano nuovi o innovativi, in realtà si rifanno a tecniche passate, recuperate e rivisitate. Uno degli esempi migliori di raffreddamento passivo, ad esempio, è l’ombreggiamento e il raffrescamento evaporativo, utilizzato nella Domus dei Dioscuri a Pompei.

pannelli solari integrati-chiarafedele

 

Come questo si riflette sull’arredamento?

 

Spesso non è necessario stravolgere completamente la propria casa, ma si può iniziare da qualche piccolo cambiamento, magari facendo più attenzione a quali mobili compriamo, in particolare rispetto ai materiali utilizzati e al processo produttivo.

Perché il design sia sostenibile, bisogna considerare tutto il processo produttivo, in modo che abbia un impatto ridotto sull’ambiente, ma permetta anche la generazione di cicli di vita del prodotto potenzialmente infiniti, “dalla culla alla culla”, in modo da eliminare la produzione di rifiuti, secondo quanto sostengono William McDonough e Braungart, autori del libro omonimo.

Un esempio a cui ispirarsi è la Greenbuild Unity Home, costruita nel 2016 dal Cradle to Cradle Products Innovation Institute, progettata e arredata in maniera da raggiungere l’obiettivo ambizioso di energia 0, intervenendo su tutti gli elementi: dai materassi ai controsoffitti. Sono stati installati anche i pannelli solari SunPower, i primi a ricevere la certificazione C2C, non solo per un utilizzo dei materiali rispettoso dell’ambiente, ma anche per aver assicurato un riciclo potenzialmente infinito degli stessi.

green building unity home- chiarafedele

In attesa di avere una maggiore scelta di mobili di questo tipo, possiamo cambiare in parte le nostre modalità di acquisto e di consumo, anche per quanto riguarda l’interior design.

In primo luogo, per la salvaguardia dell’ambiente è necessario orientarsi verso mobili solidi e concepiti per durare nel tempo, considerando anche l’investimento a lungo termine.

In questi ultimi anni ha preso molto piede la moda dell’arredamento low-cost, che potrebbe anche essere definito “usa e getta”, perché ci si sposta più frequentemente, è più difficile potersi permettere una casa propria da migliorare e in cui investire.

Il risultato è che si hanno in tutto il mondo case con gli stessi mobili ed elementi decorativi.

La chiave è soprattutto la rivisitazione di mobili usati o vintage, aumentando la durata della loro vita.

vintage furniture- chiarafedele

Non per forza devono essere fedeli al loro originale scopo, ad esempio un vecchio scrittoio può diventare un comodino originale, una cassettiera antica può diventare il pezzo forte di una camera da letto.

Riciclare materiali considerati di scarto, permette di risparmiare energie e risorse, ma anche di esprimere la nostra creatività. Nel mondo del design questo significa utilizzare un materiale riciclato o facilmente riciclabile, in modo che la produzione non abbia un impatto rilevante sull’ambiente.

vintage - chiarafedele

Una delle certificazioni più utili, in questo senso, è l’ICEA (Istituto di Certificazione Etica e Ambientale) che si occupa anche di garantire la qualità dei prodotti riciclati, in modo da minimizzare le emissioni pericolose in aria, acqua e suolo.

Alcuni esempi sono la lampada Artemide, realizzata a partire da materiali recuperati dalle bottiglie di plastica, o lo sgabello Delta Stool di Wet, riciclabile all’infinito perché realizzato in polietilene.

sgabello delta stool di wet- chiardafedele

Altri due aspetti a cui prestare attenzione sono il principio less is more, in modo da spendere meno e avere meno rifiuti da buttare, rivalutando gli oggetti veramente essenziali per la nostra vita quotidiana. Anche nell’arredamento bisognerebbe partire da quanto sia necessario, investendo in pochi pezzi ma di qualità.

In secondo luogo, bisogna anche fare attenzione all’acquisto a km0, anche per i mobili, per ridurre le spese e i consumi di trasporto, non solo del prodotto finito, ma anche dei materiali utilizzati nella produzione.

Applicando queste semplici attenzioni, è possibile fare davvero la differenza nella salvaguardia dell’ambiente, senza rinunciare allo stile personale.

 

Logo Pannelli-solari24

TENDENZE NATALE 2017

Non è per mettere ansia a qualcuno, ma qui ormai manca solo una cinquantina di giorni a Natale! Anzi, magari con l’argomento, riuscirò a diffondere un po di buonumore che oggi è anche lunedi!

Come ogni anno ho deciso di fare un po di scouting e di scovare tutte quelle che saranno le tendenze in fatto di addobbi per il Natale per questo Dicembre, in modo da farci trovare preparati per l’invitante shopping di Novembre!

Allora, sei pronto!?

  • Come al solito, neanche se ce ne fosse bisogno di dirlo, lo stile tradizionale prevaricherà come scelta di stile in moltissime abitazioni. Rosso, verde, blu e bianco, ma anche tanto oro e argento con le classiche palline su di un abete verde o leggermente innevato è l’immagine consueta che un po tutti abbiamo del classico Natale. Scelta di stile adatta particolarmente a rispondere al bisogno di stabilità di questi tempi in cui certi aspetti della vita diventano sempre più precari, come il lavoro e le relazioni sociali.
Albero Natale tradizionale by Salinalike.blogspot.com
Via Salinalike.blogspot.com
  • Fumetti, manga e fiabe per un Natale che si ispira all’infanzia. I protagonisti in tema d’addobbi in questo caso saranno ballerine, schiaccianoci, gnomi e cigni per la casa in se e strass, piume, fiocchi e perline per l’albero vero e proprio. In questo caso si attinge al mondo dei bambini perchè è quello che per eccellenza è capace di vivere questo clima con sincero stupore e gioia. 
Albero Natale infanzia by Neiman Marcus
Via Neiman Marcus
  • Dal desiderio e dalla passione di sempre più persone verso il tema del viaggio ecco che nasce una nuova tendenza. Per ciò che riguarda questo argomento, troviamo decorazioni quali cartoline e addirittura palline decorate come piccoli mappamondi.
Albero Natale viaggi by Ashley Hackshaw
Via Hasley Hackshaw
  • Vintage: jeans, ricami e spille. Perchè tendiamo a guardare sempre più verso il passato con nostalgia.
Albero Natale vintage by Little Vintage Nest
Via Little Vintage Nest
  • Industriale. Questo stile è perfetto per chi ama le cose fuori dall’ordinario e un po “stravaganti”. Si tratta di un Natale che si rifà all’arte cinetica, alla scultura, al design industriale e all’architettura. Quindi si a forme scultoree, monolitiche e compatte. Per quanto riguarda i colori prediligete quelli dei metalli (quali rame, oro, ottone e bronzo) e quelli delle pietre.
Albero Natale industrial by The Painted Hinge Farmhouse
Via The Painted Hinge Farmhouse
  • Naturale. Ecco un tema che mi sta a cuore: quando i ritmi della vita quotidiana diventano eccessivi e causano stress e stanchezza la necessità di ritrovare un po di benessere, e quindi un po di equilibrio psico-fisico, diventa una priorità. Come creare un ambiente che ci fa stare bene? Prediligete in questo caso motivi agresti e rurali: uccelli, piume, fiori e colori come il marrone, il rosa pallido e il verde bosco, mela e menta. Tra i materiali impiegati ci saranno vetro, porcellana, ceramica e metalli: materiali che al tocco vi faranno provare delle emozioni positive.
Albero Natale naturale by Love Grows Wild - Liz Fourez
Via Love Grows Wild – Liz Fourez

Ed ecco qui tutte le proposte di tendenza di quest’anno! Tu come hai in mente di decorare il tuo Natale? Ti lascerai tentare da qualche moda o novità? O sei più per un tuo stile personale, o piuttosto classico? Fammelo sapere qui tra i commenti; sono curiosa!

Logo

MERCATOPOLI

E’ tornato Settembre! Mese che segna un po per tutti un nuovo inizio, una nuova ripresa, nuovi obiettivi e propositi da mantenere.

Settembre e quindi l’autunno è anche un po paragonabile alla primavera per alcuni punti di vista: si fa il cambio dell’armadio, ci si prepara per il nuovo cambiamento climatico e si fanno delle pulizie più profonde al fine di eliminare anche tutto il superfluo che si ha accumulato durante i mesi passati.

In pratica Settembre è un ottimo mese per fare un po di sano decluttering!

Lo scopo di tutto questo preambolo è proprio questo: parlarti di alcuni temi che mi stanno strettamente a cuore e condividere con te una scoperta che ho subito amato!

Del decluttering ti avevo già parlato (trovi l’articolo qui), ma oggi vorrei farcire tutto il discorso con altri temi per me molto importanti, quali la sostenibilità, la condivisione, il riciclo e la lotta contro il consumismo.

Ma poichè su questi temi avevo scritto addirittura un vero e proprio ebook, passerò direttamente a parlarti della mia rivoluzionaria scoperta: si chiama Mercatopoli.

Mercatopoli è un negozio dell’usato nato con lo scopo di promuovere un riuso sicuro e consapevole. In Italia non ne esistono ancora molti, ma all’estero funzionano già da tanto tempo molto bene.

1

Il suo servizio è davvero innovativo in quanto è possibile portare in vendita qualsiasi tipo di oggetto in buono stato che voi vogliate: dall’arredamento, all’abbigliamento, oggetti tecnologici, veicoli, libri… Cioè davvero qualsiasi cosa!

Al vostro ingresso uno staff preparato e gentile vi accoglierà per aiutarvi nella fase di vendita. Insieme si stabilisce il prezzo al fine di garantire la massima trasparenza e in genere per i prodotti più recenti esso si aggira intorno al 50% del suo originario valore d’acquisto.

Inoltre esiste un intelligente sistema di tesseramento che permette di sapere chi ha venduto e chi ha comprato un determinato oggetto.

Una volta che l’oggetto viene venduto, è possibile recarsi in negozio per recuperare il denaro contante! Non si ottengono quindi semplicemente dei buoni spendibili solo nel punto vendita, ma si avranno dei soldi veri e propri con il quale è possibile farci quello che si vuole!

Registrandosi al sito sarà possibile controllare direttamente e in tempo reale le eventuali vendite di tutti gli oggetti che hai deciso di mettere in vendita.

I prodotti messi in vendita sono ad altissima rotazione, ciò vuol dire che in genere vengono rivenduti entro 60 giorni.

Se passati 90 giorni l’oggetto dovesse risultare ancora invenduto, esso verrà dato in dono ad un’associazione di beneficenza. I vestiti invece verranno dati direttamente in beneficenza trascorsi i 60 giorni.

2.jpg

Ma un’altra cosa che stavo dando per scontata è che a Mercatopoli puoi anche venire ad acquistare! Se sei un amante del vintage e degli oggetti introvabili sicuramente questo è il posto in cui venire!

Io trovo che il servizio offerto da questo negozio sia davvero qualcosa di ingegnoso e penso a tutti quegli oggetti che custodisco gelosamente a casa e per i quali non riesco a trovare il coraggio di buttare, seppure ormai siano abbandonati a se stessi. Quante volte alcuni di essi ricoprono addirittura un valore sentimentale e/o affettivo?

Sabato 23 Settembre andrò a provare il servizio personalmente! Se anche tu sei quindi interessato ti invito a seguirmi sulle Stories di Instagram e su Facebook per scoprire maggiori dettagli e a non perderti l’articolo che uscirà qui sul blog lunedi prossimo! #VendiConMercatopoli

TO BE CONTINUED… 

Logo

TENDENZE 2017

Sono tornata! Il mio febbraio è stato caratterizzato da tanto lavoro lontano dalla carta e dal computer, ma ora sono di nuovo qua, in questo salottino che sento così familiare e di cui sinceramente iniziavo a sentirne la nostalgia.

Appena ho aperto il blog per scrivere questo articolo mi sono sentita un po disorientata a dire la verità. Mi sono spaventata davanti al pensiero di avere scritto un solo post con l’inizio del nuovo anno; poi ho riletto i buoni propositi e mi sono un po tranquillizzata… Ho fatto un respiro profondo e mi sono chiesta “E adesso?”.

Mi sono resa conto che quest’anno non vi ho ancora parlato di tendenze, l’argomento che più mi sta a cuore e che mi aveva spinto ad aprire questo spazio virtuale. Allora riprendo da qui: vi presento le principali tendenze del settore arredo per questo 2017.

Eccoli riassunti in questa lista illustrata!

Gli anni ’80 rivisitati in chiave moderna, quindi laccato, lucido, glossy e tanto colore.

1 by Apartment Therapy
Via Apartment Therapy

✎ Anche i materiali nobili scoprono l’effetto materico, sfoggiando interessanti textures decorative.

2 by Be hang Fabriek
Via Be Hang Fabriek

✎ Il tapestry: ovvero la tappezzeria che prende ispirazione dalle passerelle (sopratutto damascati e passamanerie).

3 by Adrienne Roberts
Via Adrienne Roberts

✎ Lo stile neo-coloniale (sopratutto con la paglia di Vienna) e lo stile vintage.

4 by Brown Dress With White Dots
Via Brown Dress With White Dots

✎ Tanto colore.

5 by Feed Puzzle
Via Feed Puzzle

✎ Oggetti d’arredo di produzione artigianale.

6 by Mr Colmar
Via Mr Colmar

Arredi “in&out”: cioè mobili che possono essere collocati e utilizzati sia in spazi aperti (come il giardino), sia negli interni.

7 by Desainer
Via Desainer

Multitasking: oggetti che assolvono a più funzioni, per esempio tavoli-contenitori…

8 by Apartment Therapy
Via Apartment Therapy

Stile raw: effetto grezzo e non finito che celebra la bellezza dell’imperfetto.

9 by Coco Lapine Design
Via Coco Lapine Design

Stile wild con i suoi materiali naturali.

10 by Top Home Decorator
Via Top Home Decorator

Stile geometrico.

11 by Studio Salaris
Via Studio Salaris

✎ Il marmo.

12 by Murals Wallpaper
Via Murals Wallpaper

Stile etnico.

13 by Deconome
Via Deconome

Stile scandinavo.

14 by Nyde
Via Nyde

Stile gipsy.

15 by Shop Style
Via Shop Style

Stile orientale.

16 by Little Piece Of Me
Via Little Piece Of Me

✎ L’ultrapattern, con i suoi giochi grafici.

17 by Academy Tiles
Via Academy Tiles

✎ L’arredo che si ispira all’arte: dipinti, sculture, film e altro ancora diventano lo spunto per la progettazione di tessuti, mobili, tappezzerie…

18 by Mrs Matott
Via Mrs Matott

Vi sareste mai aspettati di ritrovare anche nel 2017 buona parte delle tendenze arredo che hanno spopolato l’anno scorso!? Per fortuna l’interior design non ha gli stessi ritmi della moda!

E ora che sapete quali sono i segreti per interni di tendenza, non mi resta che augurarvi buona progettazione!

Logo

TENDENZE ARREDO 2015 – 2016

Ormai siamo già in pieno clima natalizio e qualcuno certamente avrà iniziato a fare programmi per l’anno a venire. Ecco perchè oggi scrivendo questo post per la rubrica delle tendenze arredo ho pensato di anticiparvi ciò che ci verrà proposto l’anno prossimo!

Qualcosa inevitabilmente ce lo porteremo dietro già da questo inverno e magari si tratta anche di qualche tendenza a cui abbiamo già accennato in qualche post precedente. Ecco quindi nel dettaglio i trend già visti e… a seguire le novità assolute!

ANCORA ORO

L’oro è già stato protagonista della nostra attenzione non molto tempo fa. Vediamo oggi che cosa è cambiato e quali sono le idee in più!

Sicuramente vale sempre la regola del less is more, ovvero è sempre meglio non esagerare con l’utilizzo di questo colore. Meglio invece adoperarlo solo per dare il giusto accento a qualche dettaglio disposto con astuzia negli spazi di casa vostra.

Se scegliete di utilizzare questa cromia sappiate anche che l’oro si sposa bene con qualsiasi materiale decidiate di adoperarlo.

Sappiate anche che è possibile impiegare l’oro sfruttando diverse sfumature. Questo colore infatti tende a regalare atmosfere differenti a seconda delle nuances con cui viene abbinato.

L’oro satinato, quindi opaco, è per esempio perfetto per la camera da letto, magari arricchita da dettagli rosa; per un effetto glamour invece accostate l’oro al nero; per un risultato expensive  abbinate l’oro lucido al verde…

Un’altra idea potrebbe essere quella della carta da parati con dettagli in oro; in questo caso sfruttate una palette cromatica composta di beige, rosa, pastello, azzurro e verde menta. Con una carta da parati molto dorata invece meglio se i mobili siano in legno naturale e gli accessori dai toni accesi.

1 by Idylloghim
By Idylloghim

DECORARE CON I MINERALI

Ne avevamo già parlato in abbinamento all’uso dell’oro come colore per la casa. Oggi gli dedichiamo invece un capitolo a sé. Il consiglio è quello di adoperare quelli dai colori accesi, come il viola, il blu e il fucsia per dare carattere anche agli angoli di casa più remoti. Tra i vari minerali di questi colori trovate le agate, le ametiste o i geodi…

L’idea è quella di disporre questi materiali come se si trattasse di veri e propri soprammobili, quindi su mensole o altri ripiani giocando con l’accostamento dei colori con gli oggetti che deciderete di collocare vicino. Giocate anche con le dimensioni e le forme!

Abbiate comunque sempre l’accortezza di scegliere dei fondali in tinta unita e magari dai toni chiari, ciò darà maggior risalto al gioco di colori che deciderete di applicare e farà si che i vostri minerali sprigionino tutta la lucentezza di cui sono capaci.

2 by Elle Decor
By Elle Decor

BARATTOLI, CHE PASSIONE!

Li avevamo iniziati a vedere con estrema frequenza già da quest’estate in realtà, con la proposta della mitica Detox Water. L’idea però sembra aver avuto così tanto successo che oramai non vogliamo più disfarci di questi oggetti così universali. In particolare sono loro i protagonisti più gettonati per quanto riguarda l’arte del riuso creativo, come possiamo vedere anche dalle proposte per le decorazioni di questo Natale.

Da semplice e antiquato oggetto relegato al mero uso di contenitore per marmellate e conserve dalle nostre nonne, oggi diventa addirittura possibile gustarci un vero e proprio piatto realizzato da grandi chef e servito in qualche ristorante di tendenza.

Oggi il barattolo di vetro può diventare di tutto e di più: un porta-candele, un centrotavola, una lampada…

Ma perchè? La data non è certa, ma a leggere con attenzione i trend di Google in America il boom di ricerche sul termine “mason jar ” coincide con l’inizio della crisi economica di questi anni e con la necessità di tornare al fai-da-te. Da necessità a moda il passo è stato breve, scrive Ilaria Mazzarotta, autrice del libro Food Jar… Tutto in un barattolo.

Chi non conosce invece il Quattro Stagioni di Bormioli Rocco? Nato in Italia quasi 40 anni fa, oggi nel suo sito propone tante idee diy per quanto riguarda il riciclo di questi contenitori di vetro.

3 by Craftgawker
By Craftgawker

QUALI STILI D’ARREDO?

Voci di corridoio sembrano suggerire che l’anno prossimo detteranno tendenza stili, quali:

✎ il vintage, ma caratterizzato da tonalità più decise e non più pastello come accadeva quest’anno;

✎ l’industriale eclettico, ma più in chiave retrò;

✎ esotico, ma in rivisitazione raffinata;

✎ nordico, ma, anche in questo caso, in reinterpretazione vintage.

4 by Lushome
By Lushome

COLOR OF THE YEAR

Per quanto riguarda la proposta del Colore di Tendenza per l’anno che seguirà ho deciso di fare affidamento a quanto stabilito da Akzo Nobel, anche perchè Pantone deve ancora fare il suo annuncio.

L’Akzo Nobel, a differenza di quest’ultimo, recensisce i colori che considera di tendenza analizzandoli esclusivamente nell’ambito dell’architettura, del design e dell’interior, lasciando escluso il settore della moda.

Beh, sembra proprio che il colore del 2016 sia proprio il Ochre Gold.

5 by Akzo Nobel
By Akzo Nobel

Eccovi quindi muniti di tutti i trend per l’anno a venire! Un’arma vincente se state pensando di rinnovare qualche spazio della vostra casa! Ma attenzione, il mio consiglio rimane sempre quello di non vedere questi consigli come delle nozioni da applicare pure e crude. Cercate sempre di utilizzare gli accorgimenti che più valorizzano la vostra casa e soluzioni mantenibili nel tempo!