Tag: stile

UN ARREDAMENTO CHE SFRUTTI AL MASSIMO LA LUCE NATURALE

Sponsored

Chi non desidera una casa luminosa? La luce è un elemento importante in ogni ambiente e proprio per questo bisogna arredare la casa in modo da sfruttare al meglio i raggi solari.

Per farlo, avrai certamente bisogno di finestre abbastanza grandi. In primo luogo, se ne hai la possibilità, con un prezzo accessibile, perché non scegliere dei lucernari?  Si tratta di una scelta pratica in tutta la casa, non solo in mansarda, come comunemente si pensa. È possibile, ad esempio, posizionarli anche nei corridoi, in sala da pranzo o in cucina.

Se non hai intenzione di sostituire o installare nuove finestre, un’altra opzione può essere scegliere l’arredamento adatto e sfruttare la luce già presente nelle stanze. Il modo migliore per farlo è selezionare mobili di colore chiaro. Con il bianco in casa non si sbaglia mai, non solo perché dona lucentezza ad ogni ambiente ma ti permette anche di modificare facilmente lo stile utilizzando piccoli accessori e tessuti colorati. Se hai un ambiente scuro, anche l’arredamento minimalista, con pochi elementi decorativi, sarà adatto, perché ti permette di avere maggiore spazio e verranno messe in primo piano le pareti, che è meglio tinteggiare di bianco. È fondamentale anche inserire delle superfici riflettenti, come tavoli e sedie in plexiglass: moderni e disponibili in diversi colori, non creano ostacoli visivi e permettono alla luce di diffondersi meglio. Anche grandi specchi possono essere utili in ogni ambiente, perché danno l’impressione che le stanze siano più grandi.

Infine, anche le porte hanno un ruolo fondamentale. Sembrerà strano che un elemento che ha lo scopo di separare le stanze sia anche quello che ti aiuti a modulare la luce presente in casa. Puoi giocare con le trasparenze, ad esempio, installando delle porte scorrevoli in vetro che ti possono anche donare privacy che desideri grazie a decorazioni in vetro fuso colorato o sabbiature. È un modo facile e abbastanza economico per far passare la luce da una stanza all’altra. Considera il loro utilizzo in cucina e in sala, ma anche nella camera da letto. In questa stanza, potrai applicare delle tende per avere il buio necessario per dormire e aprirle durante il giorno ottenendo un effetto elegante e originale.

In conclusione, esistono diversi modi per rendere un ambiente luminoso e confortevole, non solo installando nuove finestre ma anche utilizzando al meglio l’arredamento e gli elementi decorativi. Non ti resta che seguire questi consigli e realizzare la casa dei tuoi sogni.

SEI STRATEGIE PER SOPRAVVIVERE AL TRASLOCO

Sponsored.

Decidere di cambiare casa è un passo importante, che può essere basato sulle ragioni più svariate. Questo articolo si rivolge soprattutto a chi sta per traslocare e si trova ad arredare per la prima volta uno spazio suo, ma i consigli riportati possono considerarsi in molti casi universali.

Il primo passo, quello più impegnativo, è trovare la casa che corrisponda alle proprie esigenze economiche, che abbia una posizione comoda e che trasmetta una sensazione positiva di calore e accoglienza, che ci guida nel finalizzare la nostra decisione.

Magari dovrai fare dei compromessi, dovuti anche al budget a tua disposizione, ma l’importante è accettare che la perfezione non esiste, o comunque richiede tempo e pazienza per essere raggiunta.

Questa è forse la fase più difficile, ma la buona notizia è che, una volta conclusa, il più è fatto. Non ti resta che traslocare e sistemare l’arredamento in relazione al tuo stile personale, vediamo insieme cinque consigli utili che ti potranno guidare in questa fase.

3

 

1. Verificare le condizioni della casa

 

In primo luogo, dovrai metterti d’accordo con il padrone di casa sulla gestione dei mobili e stabilire se sono inclusi nel prezzo dell’appartamento e se è possibile fare alcuni cambiamenti, come avere un letto o un armadio più grande, o se c’è bisogno di elettrodomestici nuovi.

L’ideale sarebbe fare un sopralluogo più approfondito, prima di trasferirsi, annotando quello che ha bisogno di essere sistemato.

Se devi mettere in programma piccoli lavori di ristrutturazione o devi cambiare qualche mobile, meglio farlo prima di iniziare il trasloco, in modo che sia tutto sistemato per quando dovrai trasferire scatole e valigie.

 

2. Sistema l’arredamento

 

Se la casa è già ammobiliata, decidi quali cambiamenti effettuare per renderla più pratica e comoda. Cambiare la disposizione dell’arredamento può modificare totalmente la percezione di un ambiente e renderlo più personale. Potrai trovare un nuovo punto focale nella stanza e partire da quello, magari aprire maggiormente lo spazio.

Se ti trovi a dover armonizzare l’arredamento che già era presente, con i pezzi che hai comprato, ispirati allo stile mix&match, che ti consente di creare un ambiente unico e originale.  

Una delle regole da seguire in questo caso è soprattutto la moderazione. Questo significa non “caricare” troppo uno spazio e non accostare stili che non si accompagnano bene tra loro. L’ideale è partire da una palette di colori e di materiali e selezionare i mobili che stanno bene insieme, mantenendo una base neutra.

Nel caso tu debba arredare interamente una o più stanze, piantina alla mano, inizia a fare una lista dei mobili strettamente necessari e pensa a come li vorresti posizionare, tenendo conto anche delle misure. Non esitare a chiedere a parenti e amici se hanno dei mobili che non usano più da regalarti. Anche con mobili usati è possibile creare un ambiente comodo e di classe, che vada bene per i momenti iniziali.

1

 

3. Organizza le tue scatole in maniera efficiente

 

Per trasferire tutto quello che hai, chiedi aiuto a ditte di traslochi esperte. Contattando i professionisti per tempo, potrai anche risparmiare. Molte offrono prezzi speciali per traslochi piccoli o servizi di condivisione dei camion, il cosiddetto groupage.

Sia dal punto di vista ambientale sia da quello economico, per non parlare del risparmio di tempo, è meglio trasportare tutto in un solo viaggio, magari utilizzando un mezzo di trasporto più grande, piuttosto che fare più andate e ritorni in macchina.

Prepara con attenzione scatole e pacchi e prendi nota di dove hai messo cosa, attraverso un inventario di base. Dividi le scatole a seconda delle stanze in cui dovranno essere posizionate.

In questo modo, ridurrai la confusione una volta nella nuova casa, insieme al rischio di perdere o non ricordare più dove hai messo qualcosa di importante.

Prepara anche una piccola valigia con i documenti e tutto l’occorrente per i primi giorni, come se dovessi partire per una vacanza, in modo che sia tutto a portata di mano.

2

 

4. Priorizzare

 

Nel momento in cui inizi a sistemare gli scatoloni, muoviti per ordine di priorità, partendo dalle stanze che utilizzi di più, in particolare dalle camere da letto. Avere un luogo dove riposare tranquillamente, soprattutto in un momento impegnativo come il trasloco, ti aiuterà ad affrontare tutto con più serenità. Cerca comunque di mantenere, per quanto possibile, ordine: non lasciare le scatole in giro per l’appartamento o nei luoghi di passaggio, ma individua un punto della stanza dove posizionarle provvisoriamente. La stessa regola, priorizzare, vale anche per quello che devi comprare. Fai una lista di quello che ti serve, come lenzuola, asciugamani, l’occorrente per la cucina ed eventualmente piccoli elettrodomestici (microonde, tostapane). Dividila in tre parti, in relazione alla priorità, in questo modo ti potrai concentrare su quello che è necessario e solo successivamente sul resto. In relazione a questo, prepara un piano spese che sia adatto alla tua disponibilità del momento.

 

5. Rendi la tua casa accogliente

 

Una volta che la casa sarà agibile, potrai concentrarti sul renderla accogliente e confortevole: è il momento di iniziare ad arredare.

I colori e i tessuti, in questa fase avranno una grande importanza, a partire dalle pareti. Se i muri hanno bisogno di una rinfrescata, è meglio fare questo lavoro prima del trasloco, ma non scegliere fin da subito colori particolari, altrimenti rischi che non ci sia armonia con l’arredamento.

In questa fase potrai sbizzarrirti disponendo i tuoi quadri, le fotografie che preferisci e i ricordi a cui sei più affezionato, sempre tenendo presente che less is more e che è necessario anche guardare al punto di vista d’insieme.

Ispirati alle gallery di Pinterest e Instagram, ai nuovi trends, ma ricordati soprattutto di fare emergere il tuo stile e i tuoi interessi.

Ami particolarmente leggere? Ricava uno spazio ampio per disporre i tuoi libri.

Hai il pollice verde? Anche se hai a disposizione poco spazio, arricchiscilo con qualche pianta o fiore.

 

6. Organizza bene il tuo tempo

 

Questo, durante il trasloco, significa non ridursi a preparare gli scatoloni all’ultimo momento, ma pianificare in modo da fare tutto con attenzione: imballare in maniera intelligente e approfittare per fare un radicale decluttering.

Inutile elencare i benefici di una buona organizzazione, però il fattore aggiunto sarà la possibilità di avere tempo anche per localizzare anche gli enti benefici della tua città ed eventualmente devolvere a loro quello che non ti serve più, oppure organizzare una festa di addio alla casa.

Se, invece ti trovi a dover effettuare un trasloco last-minute, fare una lista di tutto quello che dovrai fare e stabilire una lista di priorità, oltre all’aiuto dei professionisti, ti salverà.

Per quanto riguarda, invece, l’arredamento, non cedere alla pressione di dover avere fin da subito una casa completamente finita, ricordati che è un continuo work-in-progress.

 

Logo

STILE KINFOLK

Si torna a parlare di stili e oggi lo si fa con una forma d’arredo che non solo sta facendo davvero tendenza, ma che amo tantissimo principalmente perchè racchiude tutti quei valori che sono anche i miei.

Ecco qui lo stile Kinfolk.

E’ uno stile che nasce negli Stati Uniti è ha origine tra gli Amish, una comunità religiosa nata in Svizzera e stabilitasi negli USA dal 700.

3

VALORI

Trattando di Kinfolk forse sarebbe ancora più corretto, prima ancora di parlare di stile, descriverne il lifestyle che di conseguenza si riflette poi sul modo di arredare la casa.

In principio era lo stile nordico: ha vissuto un lunghissimo periodo sulla cresta dell’onda ed è stato fotografato e riprodotto come se non ci fosse un domani, facendoci sognare sopratutto per quella gestualità dei padroni di casa che potremmo quasi definire eterea.

Probabilmente è per lo stesso motivo che lo stile Kinfolk ci sta rubando il cuore: la parola-chiave anche in questo caso è essenzialità e per questo motivo si appella a linee e colori minimal, essenziali e puri.

La necessità di rallentare da quelli che generalmente sono degli stili di vita così frenetici e disumani ci ha portato ad amare lo spirito Kinfolk (che letteralmente significa “parenti”), il quale predica il ritorno alla natura e alla vita rurale e di conseguenza il piacere per il cibo sano e conviviale con prodotti biologici e locali.

1

DECORAZIONE 

Lo stile Kinfolf è il risultato dell’incontro tra diversi stili: nordico, rustico, industrial e retrò. Va da se quindi che si tratta di un mix tra colori, pattern e materiali.

Gli elementi che non possono assolutamente mancare sono:

  • le piante. Le idee più in voga su come inserirle sono: all’interno di eleganti campane di vetro, appese con le classiche reti macramè, oppure limitandosi a singoli rami fioriti in semplici vasi.
  • materiali come il legno, il rattan, la pietra e lino e cotone per i tessuti.
  • il bianco predomina tra tutti i colori. Ma troviamo anche accenti dati dal grigio, il verde e il beige.
  • tra gli oggetti troviamo quelli fatti a mano, mobili d’epoca, quelli riciclati, artigianato, souvenir di viaggio e ricordi.

4

5

2

Ed ecco qua! Tu cosa ne pensi? Ne avevi già sentito parlare? Pensi che adotterai alcune caratteristiche di questo stile per rinnovare qualche angolo di casa?

Logo

TENDENZE 2017

Sono tornata! Il mio febbraio è stato caratterizzato da tanto lavoro lontano dalla carta e dal computer, ma ora sono di nuovo qua, in questo salottino che sento così familiare e di cui sinceramente iniziavo a sentirne la nostalgia.

Appena ho aperto il blog per scrivere questo articolo mi sono sentita un po disorientata a dire la verità. Mi sono spaventata davanti al pensiero di avere scritto un solo post con l’inizio del nuovo anno; poi ho riletto i buoni propositi e mi sono un po tranquillizzata… Ho fatto un respiro profondo e mi sono chiesta “E adesso?”.

Mi sono resa conto che quest’anno non vi ho ancora parlato di tendenze, l’argomento che più mi sta a cuore e che mi aveva spinto ad aprire questo spazio virtuale. Allora riprendo da qui: vi presento le principali tendenze del settore arredo per questo 2017.

Eccoli riassunti in questa lista illustrata!

Gli anni ’80 rivisitati in chiave moderna, quindi laccato, lucido, glossy e tanto colore.

1 by Apartment Therapy
Via Apartment Therapy

✎ Anche i materiali nobili scoprono l’effetto materico, sfoggiando interessanti textures decorative.

2 by Be hang Fabriek
Via Be Hang Fabriek

✎ Il tapestry: ovvero la tappezzeria che prende ispirazione dalle passerelle (sopratutto damascati e passamanerie).

3 by Adrienne Roberts
Via Adrienne Roberts

✎ Lo stile neo-coloniale (sopratutto con la paglia di Vienna) e lo stile vintage.

4 by Brown Dress With White Dots
Via Brown Dress With White Dots

✎ Tanto colore.

5 by Feed Puzzle
Via Feed Puzzle

✎ Oggetti d’arredo di produzione artigianale.

6 by Mr Colmar
Via Mr Colmar

Arredi “in&out”: cioè mobili che possono essere collocati e utilizzati sia in spazi aperti (come il giardino), sia negli interni.

7 by Desainer
Via Desainer

Multitasking: oggetti che assolvono a più funzioni, per esempio tavoli-contenitori…

8 by Apartment Therapy
Via Apartment Therapy

Stile raw: effetto grezzo e non finito che celebra la bellezza dell’imperfetto.

9 by Coco Lapine Design
Via Coco Lapine Design

Stile wild con i suoi materiali naturali.

10 by Top Home Decorator
Via Top Home Decorator

Stile geometrico.

11 by Studio Salaris
Via Studio Salaris

✎ Il marmo.

12 by Murals Wallpaper
Via Murals Wallpaper

Stile etnico.

13 by Deconome
Via Deconome

Stile scandinavo.

14 by Nyde
Via Nyde

Stile gipsy.

15 by Shop Style
Via Shop Style

Stile orientale.

16 by Little Piece Of Me
Via Little Piece Of Me

✎ L’ultrapattern, con i suoi giochi grafici.

17 by Academy Tiles
Via Academy Tiles

✎ L’arredo che si ispira all’arte: dipinti, sculture, film e altro ancora diventano lo spunto per la progettazione di tessuti, mobili, tappezzerie…

18 by Mrs Matott
Via Mrs Matott

Vi sareste mai aspettati di ritrovare anche nel 2017 buona parte delle tendenze arredo che hanno spopolato l’anno scorso!? Per fortuna l’interior design non ha gli stessi ritmi della moda!

E ora che sapete quali sono i segreti per interni di tendenza, non mi resta che augurarvi buona progettazione!

Logo

STILE PROVENZALE

Devo ammettere che trovare l’ispirazione per questo articolo non è stato facile. Ho titubato quasi una giornata intera prima di trovare un tema che mi convincesse davvero e, pensate che ho pure un calendario editoriale pieno zeppo fino all’inizio dell’anno nuovo. Però è bello anche pensare alternativo qualche volta, prendere strade inaspettate e allora ecco che ho pensato di rimpolpare la categoria Stili&Ispirazioni parlandovi dello stile arredo di un posto a pochi passi da casa mia: la Provenza.

Siete pronti allora ad immergervi con l’olfatto in una casa dal fresco profumo di lavanda e con la vista in stanze dai toni pastello? Facciamo questo viaggio insieme!

Anche lo stile provenzale abbonda di influenze shabby chic, in quanto si prediligono mobili in legno decapato.

1 by Ana-rosa
Via Ana-rosa

I colori adatti per arredare in questo stile inoltre sono, oltre ovviamente al lilla (in omaggio alla lavanda), il bianco, l’ecru, l’avorio e tocchi di contrasto giallo e blu.

2

La casa provenzale inoltre si arricchisce di fiori, che siano freschi o essiccati o motivi d’arredo che arricchiscono i tessuti dei vostri cuscini, del copriletto o altro ancora tutto è concesso. I fiori freschi invece disponeteli i ogni angolo della vostra casa in vasi dal sapore antico.

3 by Grazia Cerruti.jpg
Via Grazia Cerruti

E poi esistono anche i tessuti boutis! Si tratta di un’antica arte provenzale di lavorazione delle stoffe che li rende simili al metalassè.

4 by Dragon Threads Open Book
Via Dragon Threads Open Book

Un altro elemento essenziale per arredare in stile provenzale è dare assolutamente importanza anche all’aspetto olfattivo. Abbondate quindi con candele profumate e essenze, tra quelle da prediligere ci sono la lavanda, il talco, il muschio bianco e la verbena.

5 by Sparelax
Via Sparelax

Lo stile provenzale si contraddistingue anche in cucina con stoviglie in ceramica decorata da uccellini e fiori, pentole in rame e barattoli in latta. Via libera poi a oggetti retrò, come bilance o altri elettrodomestici.

6 by Vickys Home
Via Vickys Home

E per l’outdoor? Elementi tipici sono indubbiamente il ferro battuto, legno e vimini. Via libera all’art decò e a lanterne e gabbie in ferro battuto.

7 by All things Shabby and Beautiful
Via All Things Shabby and Beautiful

E voi cosa ne pensate di questo stile? A me viene voglia di trascorrere una giornata in questi posti meravigliosi guardando le fotografie!

Logo